Il giorno di San Crispino

Foto di Cesare Abbate - Ansa“A Napoli la cultura è morta”, l’hanno detto a bassa voce, per non dare fastidio. Perché ai funerali non si fa confusione. Attori, registi, teatranti, sceneggiatori e i lavoratori dei teatri e dei musei a rischio chiusura hanno marciato al ritmo di un tamburo. Un rumore sempre uguale e loro, tristi, compunti, camminavano a tempo.

Hanno paura di non poter esprimere più se stessi. Come se domani impedissero alla socia e a me di scrivere. “Abbiamo già pagato abbastanza – dicono – ora tocca a Trianon, Madre e Città della Scienza. E dopo?”.

Le strutture rischiano di chiudere perché la Regione Campania, annullando vecchie delibere approvate nei nove mesi precedenti alle elezioni della scorsa primavera e che hanno portato alla violazione del patto di stabilità, ha bloccato il trasferimento dei fondi anche per loro.

Il corteo avrebbe dovuto raggiungere piazza del Plebiscito, ma lì c’erano altri a manifestare perché a Napoli oggi protestavano in tanti. Così per evitare scontri tra manifestanti e manifestanti e con la polizia, il corteo si è fermato nella galleria Umberto I. Si sono tutti disposti in cerchio. Poi il capo corteo – faccia bianca, stivaloni e abito nero quasi da corsaro – ha improvvisato una performance. Perché solo recitando sarebbe stato in grado di spiegare i motivi della protesta. “Perdonate se abbiamo osato presentare su un ignobile palcoscenico un sì grandioso argomento. Ma se può un numero con uno sgorbio, fermare milioni di persone, che sia concesso a noi, semplici zeri, stimolar col nostro recitar le vostre menti”, ha recitato.

E io mi sono lasciata andare: la recitazione, il bianco delle facce e il nero dei vestiti, il silenzio durante la marcia funebre e il tamburo, il sole ancora caldo.

Non lo so se riusciranno a evitare che quelle strutture siano chiuse, ma quello di stamattina era il loro unico modo per far capire agli altri che anche recitare e scrivere copioni è lavoro, che anche attori, teatranti, registi e sceneggiatori possono diventare disoccupati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...