Ed è appena lunedì

La sveglia che suona prima delle 7, la pioggia che batte alla finestra e urla che oggi non uscirai in motorino, il caffè. Poi di corsa in macchina a lavoro, un convegno su federalismo e sanità, a Villa Doria d’Angri, Posillipo (wow, che culo!). Un’ora e 40 minuti per fare una ventina di chilometri, ma tu sei tranquilla perché pensi: “Non saranno puntuali nemmeno loro visti il traffico e la pioggia” e soprattutto “Non verrà Caldoro visto che ieri era a Saint Vincent che non è certo dietro l’angolo”. E invece no! Caldoro c’era! Io e la gazzella della polizia siamo arrivati praticamente insieme, il resto della carovana dopo qualche minuto.

Niente paura, non facciamoci prendere dal panico e manteniamo la calma anche se loro hanno la precedenza, tu non hai ancora trovato posto per l’auto e giù potrebbero già esserci altri colleghi. Ho parcheggiato, non senza danni, e sono corsa a rotta di collo, sotto la pioggia, senza aprire l’ombrello, su una discesa ripida e bagnata.

È il lato ‘bagnato’ di questo lavoro, quando resti la mattinata coi i capelli umidi, la tosse che ti perseguita e in testa il ricordo di un incubo a metà, come un ronzio, che non ti lascia in pace.

Poi il convegno, in una sala dove il telefono non prende, piena zeppa di gente e con le finestre chiuse perché entra il vento che stamattina è freddo. Ma fa caldo e non si respira, maledizione!

Ma sì, il federalismo può essere un’opportunità, basta crederci. Non come il signore che ha detto: “Ma perché mi chiedete del federalismo? Voi siete proprio sicuri che partirà?”. E non era un tipo qualsiasi, ma uno che fino alla scorsa settimana si è occupato di sanità in Campania prima di andar via sbattendo la porta.

Però, non ci faremo mettere i piedi in testa da nessuno, e “se dalla Lega arriveranno tentativi di arroganza e prepotenza contro il Mezzogiorno, noi risponderemo colpo su colpo”. Io, in realtà, prenderei il bazuka, quello che tengo nascosto nell’armadio perché può sempre tornare utile, e farei piazza pulita.

Adoro questo mestiere anche se è appena lunedì e sono già esaurita.

p.s.: dopo  la fiancata sinistra, ricordo della campagna elettorale dello scorso marzo, oggi ho distrutto quella destra.

L.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...