L’articolo 21 e l’arroganza della bassa politica

Una volta ai giornalisti era vietato seguire i dibattiti delle aule parlamentari.

Se aprite un manuale di storia del giornalismo, troverete probabilmente citato un cronista inglese di nome William Woodfall, che nel 1771 riuscì a far conquistare al “Morning Chronicle”, il primato tra i giornali londinesi grazie alle 16 colonne giornaliere di resoconti parlamentari frutto della sua capacità di ricordare a memoria tutti gli interventi in un’epoca nella quale era vietato ai giornalisti prendere appunti nel corso del dibattito.

Poi s’aprirono le porte. Inutile sottolinearne il significato per la democrazia.

Da allora ad oggi i giornalisti hanno affermato il loro diritto a seguire i lavori della politica, delle assemblee, negli appositi spazi riservati alla stampa che dall’Inghilterra del Settecento fino a noi sono stati conquistati e ormai considerati un diritto acquisito insindacabile.

Al Comune di Napoli dobbiamo ancora litigare per lavorare in santa pace.

Abbiamo una sala stampa, due stanzette con un computer e un telefono e accesso diretto alla nostra tribuna in aula. I nostri spazi vengono quotidianamente invasi dai consiglieri comunali per: fumare, chiacchierare, tenere riunioni politiche di ogni tipo, telefonare, guardare le agenzie, guardare la posta, cazzeggiare su facebook, fare uno spuntino.

Se tu stai lavorando loro se ne fottono, entrano e basta. Se tu sei a telefono concordano con i capi la linea da dare al pezzo, stanno lì ad ascoltare e magari poi tentano pure di dire qualcosa. Se tu stai scrivendo se ne fregano e ti chiedono di farti da parte. Se dici di no si piazzano dietro di te per darti fretta.

È successo l’altro giorno a un collega. Per tentare di cacciare il consigliere inopportuno, gli ha fatto una battuta tipo “che fai, spii la mia posta?”. Apriti cielo. Urla, insulti, spintoni. La collega che ha tentato di intervenire è stata zittita.

Sulla vicenda sono intervenuti UNione Cronisti e Ordine dei giornalisti per stigmatizzare l’accaduto. Il sindacato, ovviamente, tace. Vi riporto la nota dell’Ordine.

“La sala stampa del Consiglio Comunale non è un ring in cui qualche consigliere comunale può mostrare i muscoli”. L’Ordine dei giornalisti della Campania stigmatizza il comportamento di un consigliere comunale che nel pomeriggio ha aggredito verbalmente i colleghi delle agenzie Ansa e Agi e spintonato uno dei due. “Si tratta di un episodio inammissibile. L’Ordine chiede al presidente del Consiglio comunale, Leonardo Impegno, di far rispettare il lavoro dei giornalisti che hanno il delicato compito di informare l’opinione pubblica, senza essere infastiditi negli spazi loro riservati”.

Ieri mattina, in aula, lo stesso consigliere ha preso la parola per dire la sua. In pratica è stato un processo, senza possibilità di difesa. Il collega in questione ha un legame di amicizia con un assessore al quale spesso dà una mano. Dico di amicizia perché non mi risulta esserci alcun contratto tra lui e l’amministrazione comunale. Possiamo porre una questione di tipo deontologico, assolutamente. Non è opportuno che una persona vicina a un assessore segua come giornalista i lavori di Comune e Consiglio, assolutamente. A onor del vero il collega non ha mai dato prova di imparzialità, in momenti delicati come i rimpasti di giunta s’è fatto da parte. E soprattutto si tratta di una vicenda nota, in essere da tempo senza che nessuno abbia mai detto niente. Finché non è stata usata per attaccarlo. Il consigliere ha chiesto di “fare in modo che non vengano accreditati giornalisti che svolgono ruoli nell’ambito politico” perché lui non si sente tutelato. Più una ricostruzione fasulla dell’accaduto che incolpa di tuttto il collega mentre lui, poverino, era solo entrato (dove non doveva, c’è un cartello “accesso riservato ai soli giornalisti”) a controllare una mail.

Il capogruppo della parte politica dei consiglieri ha preso la parola, qualche ora dopo, per ribadire il concetto che bisogna prendere provvedimenti, chiedendo al sindaco di far rimuovere il collega, ma ha chiesto scusa ai giornalisti per l’accaduto. Il sindaco, che si proclama quotidianamente garantista e soprattutto costituzionalista, ancora una volta non ha ritenuto opportuno schierarsi al fianco dei giornalisti o quantomeno intervenire. S’è limitata ad annuire alle parole del consigliere.

Io ho passato l’intera giornata a litigare con mezzo consiglio comunale che si ostinava ad entrare nella nostra sala stampa, mancando di rispetto, di educazione, e a mio parere anche di intelligenza.

Qualcuno ha avuto addirittura il coraggio di dire che, avendo il tesserino da giornalista pubblicista, aveva tutto il diritto di entrare.

Ecco, queste sono le istituzioni, questi sono i consiglieri eletti dal popolo che dovrebbero rappresentarci. Gente arrogante anche di fronte alle regole più elementari, menefreghista, incapace di rispetto che al primo richiamo partono col “ricordati chi sono io e chi sei tu”.

Che tristezza. Meditate gente, meditate.

A.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...