Duplice omicidio a San Giorgio a Cremano.E la cronista scopre che la hanno ammazzato il papà

Accade.

Accade vicino Napoli e no, forse non potrebbe accadere dovunque.

Forse solo qui accade che arrivi sul posto di un omicidio e scopri che hanno ammazzato tuo papà. È accaduto a una collega che conosco solo di vista, ma che c’entra? Fa male e lo senti così vicino che fa paura.

A volte vorrei non sapere che tutto questo è possibile.

Cito il pezzo sul sito del Mattino, perché fa tutto talmente schifo che non ho voglia di scrivere.

NAPOLI (13 gennaio) – Duplice omicidio a San Giorgio a Cremano, nel Napoletano. I killer hanno agito in via San Giorgio Vecchio. Le due vittime sono state uccise a distanza di pochi metri : una all’interno di un’officina, l’altra per strada. Entrambe sono state uccise a colpi di arma da fuoco.
Le vittime. Sono state identificate dai carabinieri le due persone uccise. Si tratta di Luigi Formicola (con un precedente per estorsione risalente al 2000), 56 anni, titolare di un circolo ricreativo in via San Giorgio Vecchia, e Vincenzo Liguori (incensurato e completamente estraneo ai fatti), 57 anni, proprietario di una officina meccanica attigua. Era il padre di Mary Liguori, collaboratrice del Mattino. Secondo gli investigatori Liguori sarebbe stato ucciso dai killer spietati per metterlo a tacere in quanto testimone scomodo della spietata esecuzione di Formicola.

La dinamica. Secondo quanto si è appreso due killer, forse giovanissimi, a bordo di una moto, con i caschi e le pistole, sono entrati in azione davanti ad all’officina meccanica. Il loro obiettivo era Luigi Formicola, massacrato con diversi colpi di pistola. Ma sotto i colpi dei killer è finito anche Liguori. Liguori sarebbe stato ammazzato perché testimone dell’agguato avvenuto pochi istanti prima ai danni di Formicola.

Killer spietati. È questa, a quanto si è appreso, la pista seguita dai carabinieri che hanno ricostruito la dinamica del duplice omicidio. Liguori non sarebbe stato infatti colpito da una pallottola vagante come ipotizzato in un primo momento. L’uomo stava conversando in strada con Formicola quando sono giunti due sicari in sella a una moto di grossa cilindrata e con i volti coperti da caschi.

Ucciso il testimone. I killer hanno crivellato di colpi Formicola, si sono allontanati di qualche metro come per fuggire, ma all’improvviso sono tornati indietro ed hanno ammazzato il meccanico con un solo colpo di pistola. Si ipotizza che i killer abbiano ucciso Liguori temendo di essere stati riconosciti. Sul luogo del delitto si è radunato un folto numero di parenti e amici delle vittime.

Il dramma della cronista. Le avevano telefonato dal giornale quando era giunta la notizia di un duplice omicidio a San Giorgio a Cremano. Mary Liguori, collaboratrice del Mattino per la cronaca nera nell’area vesuviana, doveva occuparsi dell’ennesimo fatto di sangue nella zona vesuviana, ma una volta giunta sul luogo dell’agguato ha scoperto che una delle due vittime era il papà, Vincenzo Liguori, il titolare dell’officina. Quando alla redazione del Mattino hanno appreso che una delle vittime era il padre della collega, hanno richiamato Mary per avvertirla di non occuparsi più del caso. Troppo tardi: Mary, che era in apprensione da un po’ avendo appreso dagli investigatori l’indicazione delle strada dell’agguato – via San Giorgio Vecchia – dove si trova l’officina del papà, ha appreso dalla gente accorsa sul luogo l’atroce notizia.

Il sindaco: orribile. «Quanto è accaduto è orribile, è un fatto che scuote le nostre coscienze». Lo ha detto il sindaco di San Giorgio a Cremano, Domenico Giorgiano, dopo aver appreso la notizia del duplice omicidio di questa sera. «Ho chiesto la convocazione urgente di un tavolo interforze sulla sicurezza pur consapevole dei grandi sforzi che quotidianamente le forze dell’ordine già compiono sul nostro territorio. Per ulteriori determinazioni – conclude il sindaco Giorgiano – aspettiamo di conoscere i dettagli delle indagini da parte delle forze dell’ordine».

A.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...