Archivi del giorno: gennaio 15, 2011

Il sabato del villaggio

I sabato di campagna elettorale sono cominciati. Va be’, adesso è solo per le primarie di centrosinistra, però l’aria che si respira è quella.

Stamattina è stato il turno di Nichi Vendola, io e la socia abbiamo lavorato di nuovo insieme e mentre tutti – compresi altri colleghi – lo aspettavamo al teatro Augusteo lui se ne stava beato al Gambrinus dopo aver rilasciato un’intervista a Sky, come se non bastasse quella che già c’era sul Corriere del Mezzogiorno.

Mirafiori e la vittoria del Sì, ma è una vittoria “amara” perchè lo scarto coi no è stato basso (54% i sì, 46% i no), Ruby, “vergogna planetaria” e la caduta degli dei che però “come colonna sonora hanno Apicella e non Wagner”. Il teatro è pieno, la gente lo ascolta e ascolta anche Mancuso, l’ex magistrato delle stragi che si è candidato alle primarie. Io e la socia ci guardiamo: “Azz, s’è svegliato”. E sì, perché sabato scorso era stato un po’ una delusione sentirlo al confronto pubblico tra i Fab Five. Vendola parla, dice che Bassolino nella seconda legislatura alla Regione “inglobò due centri di riabilitazione, a Nusco e a Ceppaloni”. L’affondo, manco a dirlo, è a De Mita e Mastella, le “bande centriste” come Nichi le ha definite, che “armi e bagagli sono passate al centrodestra” perché chi nasce a Nusco e a Ceppaloni, nasce per essere “classe di governo chiunque governi”.

Anche stavolta in tanti sono venuti a sentire, ad ascoltare, a vedere se il teatro fosse pieno. Esponenti del Pd, qualche assessore comunale, consiglieri simpatizzanti. Però la platea era meno interessante – seppure più giovane – dell’altra volta.

La monnezza non poteva certo mancare, casomai noi volessimo (che so?) dimenticarla. “La magia di Berlusconi funziona soltanto se la monnezza me la prendo io in Puglia”, ha detto Nichi Vendola (che nei pezzi di una collaboratrice è diventato Nicky e per fortuna il caposervizio li ha corretti).

Una mattinata piena, con un ginocchio gonfio per aver sbattuto contro il motorino e dolori ovunque perché non ricordavo di avere tanti muscoli…

Quando l’incontro-comizio è finito, con un mare di cose da scrivere, sono salita in redazione, sperando che mi facessero sedere e usare il mio iPad. Tecnicamente non avrei usato alcun mezzo di lavoro della redazione. Ma la sedia e la scrivania lo sono. Io sono dovuta tornare a casa.  Questo più che targato gs o cs è prorpio roba da semicroniste.

L.

“Chi sa parli”

Io, cronista e vittima oggi scrivo per papà Chi sa parli, ci aiuti a fare giustizia (Da Il Mattino, 15 gennaio 2011)

di Mary Liguori

“Scrivo questo articolo perché me lo ha chiesto mia madre che in questo momento, forse più di me, crede nel potere dei mezzi di comunicazione. Mia madre spera che un appello possa smuovere le coscienze di testimoni che hanno visto il marito morire da innocente. «Chi sa parli, collabori con i carabinieri, ci aiuti a fare giustizia», dice mia madre. Faccio mio quest’appello e non da giornalista, ma da figlia. La figlia di un uomo che ha cominciato a fare il meccanico ad appena otto anni ed è morto mentre lavorava. Quando i killer sono entrati nell’officina, per scovare l’uomo che cercavano e trucidarlo, mio padre stava cambiando l’olio ad un motorino. È morto lavorando, mio padre. Ed è morto per errore, perché si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato. Era un uomo onesto, che amava vivere in disparte, stare lontano dai riflettori.

Oggi si ritrova sui giornali, vittima inconsapevole di una violenza inaudita e noi non possiamo che sperare che un giorno si trovino i suoi assassini, che la giustizia possa prevalere sull’omertà. Quante volte, da giornalista, ho raccolto appelli del genere: familiari di gente ammazzata che si aggrappano alla speranza della giustizia, pur sapendo che nulla farà tornare in vita il proprio caro. 

Oggi tocca a me e alla mia famiglia fare i conti con questo sentimento. Posso solo dire che sto vivendo un incubo, il peggiore degli incubi. Per anni i cronisti come me coltivano il sogno della firma in prima pagina, oggi mi è toccato finirci nel modo più orrendo, quello che mai avrei voluto e nemmeno lontanamente immaginato.

Sento intorno a me tanta solidarietà: i colleghi giornalisti, i fotografi, i rappresentanti delle forze dell’ordine. Il Prefetto di Napoli mi ha inviato un telegramma, che mi ha molto colpito. Ripenso a quello che mi diceva sempre mio padre: «Non importa il lavoro che fai né quanto ti pagano, l’importante è che ti piaccia davvero». So di non essere sola, ma so anche di essere molto più debole senza di lui.

Spesso, dinanzi alla prospettiva di andare via da qui, mi sono risposta: che andassero via gli altri, quelli violenti, quelli che hanno reso questa città invivibile! Perché dovrei essere io ad abbandonare il campo? Io faccio la giornalista anche per cercare di cambiare le cose, per migliorarle. Oggi ci credo un po’ meno, mi chiedo se vale ancora la pena lottare. Ma un secondo dopo mi rispondo che sì, vale la pena. Devo farlo per mio padre, per mio marito che il suo papà l’ha perso appena un anno fa, per i miei fratelli. E per mia madre che, tramite me, vi dice: «Chi ha visto, parli»”.