Archivi del giorno: maggio 17, 2011

Everything’s changing and I don’t feel the same

Stamattina mi sono svegliata, io ho uno stipendio e il pd ha perso le elezioni a Napoli.
Praticamente il mondo al contrario, se si pensa che ieri ho avuto il Cud 2010 a uso commercialista e risulta che ho guadagnato 1.900 euro (così tanti? Ricordavo di meno!).Millenovecento euro per mesi di lavoro, fatica, sudore, 15 giorni di vacanza scannati, pranzi saltati e nervi a fior di pelle.
Stamattina, invece, sul mio conto c’erano millecentoventotto euro (i 28 non li ho capiti), sebbene in ritardo e tra mille mille bestemmie.
Mai forti, comunque, quanto quelle del Pd. A scrutinio quasi ultimato sono andati sotto al 20 percento, Morconechi abbiamo capito che non lo conosceva davvero nessuno e De Magistris va al ballottaggio con Lettieri, il quale è contentissimo perché è più facile vedersela con l’ex pm che con il prefetto.

Annunci

Pdl-Idv

Tra due settimane conosceremo il sindaco. C’è il ballottaggio a Napoli dove, ha scritto un mio collega, “si sfideranno il candidato del PdL Gianni Lettieri e, a sorpresa ma non troppo, quello dell’Idv Luigi de Magistris”. E sì, il Pd deve chiudere e andare in un angolo per un quarto d’ora di vergogna, come quando alle elementari la maestra ti metteva dietro la lavagna.

E dire che se non avessero fatto tutte le figuracce che invece hanno fatto, i risultati sarebbero diversi, anche qui, come in tante altre città andate al voto, il Pd avrebbe potuto vincere, essere più forte.

Ieri sono uscita di casa con un po’ di muso lungo. La redazione mi aveva spedita in Prefettura, a monitorare cosa non lo so perché i dati li forniva la redazione romana. Dopo due ore e mezza, per fortuna mi hanno liberata e spedita da Lettieri, al suo comitato, quando ormai si stava profilando il ballottaggio tra lui e de Magistris.

Un po’ di colleghi stupidi, da evitare, qualche faccia amica, il telefono che non prende e il wifi. Posso andare a prendere un caffè? Ma sì, vai pure. E invece arriva la telefonata: Lettieri sta andando in Prefettura. Recupero il casco, il registratore e corro, dopo aver chiesto a un “tizio” di coprirmi. E così arrivo affannata, ma il candidato è ancora lì e riesco a fare tutto. Poi all’improvviso è arrivato pur Caldoro. Ho chiamato in redazione, avvisato che ero in Prefettura (loro mi credevano al comitato) e che riuscivo a coprire anche lui.

Sono tornata dall’altro lato, per sentire ancora Lettieri. Quando sono arrivata, lui era pronto per le interviste con la Rai e il suo staff mi aveva fatto segno di avvicinarmi. Un altro tipo, però, mi ferma perché “c’è la diretta”. E va be, mi fermo. Però, dietro di me, qualcuno mi ha messo le mani sulle spalle e mi ha detto: “Muoviti”. Io: “Ma c’è la diretta”. “Eeeeeee, muoviamoci!”. E siamo passati praticamente carponi mentre questo tipo continuava la sua diretta.

Io mi sono divertita, ho pensato alla mia socia perché con lei lo sarebbe stato di più. E adesso mi preparo e vado in Prefettura. Ci sono i dati e i nomi dei consiglieri da prendere.

L