Archivi categoria: friends

Bye 2010/Welcome 2011

Ok, oggi è già due e il primo è passato, ma come vi ha anticipato la socia io ho passato Capodanno nel posto in cui si parla direttamente con dio per cui sono stata “isolata” per un po’.

Il mio Capodanno, a dir la verità, è andato bene, tra una cena splendida cucinata dal “mio” chef preferito con il nostro aiuti, amici a cui tengo molto, una mezzanotte diversa ma bella, giochi delle feste e poi nanna, passeggiata sulla spiaggia, pranzo alle 17, film e poi casa. Bello, bello, bello.

L’inizio di un anno nuovo è sempre occasione per bilanci e to-do-lists, cose che si vogliono fare, obiettivi da raggiungere.

Il 2010 è stato pesante, altalenante. Ma nel 2011 io vorrei portarmi, di quest’anno concluso, la salute mia e della mia famiglia, gli amici a cui voglio bene e senza i quali, probabilmente, non potrei vivere, la socia con cui quest’anno ho condiviso tante cose, prima di tutto questo blog, nato così, un po’ per caso in effetti, e che poi è diventato un punto per raccontare, fissare quanto ci succede. Vorrei portare con una persona speciale, i colori della Puglia, le avventure sulla neve, tutti i film visti, i libri letti e le persone conosciute.

Vorrei portare con me pure quanto ho imparato su persone che credevo amiche, e che non lo sono state affatto. Perché sapere da chi guardarsi le spalle spesso è fondamentale.

Vorrei portare con me tutte le soddisfazioni che mi ha dato il mio lavoro, e quell’esame di professionista conquistato con le unghie e con i denti, a dispetto di chi non voleva. Vorrei portare con me l’emozione del giorno in cui ho saputo che sarei andata a Roma a farlo, e lavoravo sorridendo. Il viaggio in autogrill, tutte le cose che ho imparato, la serata in giro per la Capitale.

Passiamo alle cose che vorrei cambiassero: vorrei tornare ad avere quell’entusiasmo e quello spirito che sei anni di precariato e di calci in culo mi hanno, in parte, tolto. Vorrei cambiare alcuni atteggiamenti ed essere più disponibile per le persone cui voglio bene, perché ho capito che questo lavoro mi ha reso una persona peggiore. Vorrei, finalmente, un lavoro pagato. Vorrei andare a vivere da sola e avere finalmente degli spazi miei. Vorrei diventare una professionista migliore. Vorrei crescere rimanendo sempre un po’ gs o cs, per non dimenticare alcune cose importanti. Vorrei leggere, viaggiare, imparare. Vorrei ridere ancora tanto e non dimenticare, a fine serata, che bere un bicchiere di vino in compagnia è importante.

A.

Annunci

Men, I feel like a woman

Essere donne:

-hai un sacco di problemi in più sul lavoro.

-vai a prendere il Margarita e il barista ti ci impiega due ore, te lo fa buonissimo e con la scorza di limone di decorazione.

A.

“Che Dio ci benedica, tutti”

Non è Natale senza il Canto di Natale di Topolino.

Lo facevano in tv stamattina e sono riuscita a vederne gli ultimi dieci minuti, sorridendo.

Tra corse, lavoro e stress il Natale me lo dimentico tutti gli anni. Mi conquista all’improvviso, quando distribuiamo uno a uno i regali sotto l’albero, facciamo pausa a mezzanotte per la nascita del bambino Gesù, e poi riprendiamo. C’è un copione non scritto che si ripete ogni anno, la cena che è sempre la stessa e i pacchi aperti sapientemente, distribuendoli tra i vari membri della famiglia, per evitare che uno finisca troppo presto i suoi.

Ognuno ha il suo Natale in casa Cupiello.

Quest’anno Babbo Natale è stato estremamente buono e io per un attimo ho guardato i miei, poi l’albero, e il presepe che mi comprò mio nonno tanto tempo fa e poi ampliammo io e papà con sughero, colla e fantasia, e mi sono sentita felice. Sono rari i momenti in cui i problemi li dimentichi e ti sembra che tutto, in fondo, sia bello. Vado in giro con le mie calze rosse e le mollette con un pupazzetto, un angelo. E ne sono fiera. Stamattina mi sono messa alla guida per fare il giro dell’isolato, salire da mio zio, caricare in auto tre sedie, depositarle a casa e poi parcheggiare. La gente mi guardava e io ridevo. Perché Natale è un po’ così, succedono cose ridicole e divertenti come quella volta che scappò il capitone o quell’altra in cui saltò la luce e cucinammo tutto al buio, con le candele.

Natale è bello pure perché per un po’, cascasse il mondo, il lavoro non esiste. Le redazioni sono chiuse, il giornale in edicola non esce e puoi camminare per strada senza il timore che una notizia ti cambi la giornata. Io e la socia stiamo tirando un attimo di respiro, per un pochino libere. Lei starà giocando col suo nuovo giocattolo e io sorrido felice pensando alle mie cose nuove e a quanto mi piacciono e quant’è bello che la mia famiglia si sia data da fare per comprarmi cose che mi piacessero.

Perché in fondo, nonostante c’abbia litigato a lungo, a me ‘o presepe mi piace. Ma proprio tanto.

A.

“Casa, terra e lavoro”

“Sotto l’albero casa, terra e lavoro”. Caldoro forse si sente un po’ Babbo Natale, mentre lo dice. In linea di principio i provvedimenti della Regione possono anche essere buoni, ma è da vedere nei fatti cosa accade. E soprattutto se, nei bandi per il Piano lavoro, c’è davvero qualcosa anche per noi targato gs o cs.

Prima di arrivare a Santa Lucia, ho fatto in tempo a tamponare uno che si è fermato in curva, all’improvviso. Io non l’ho visto e ci sono andata a sbattere. Mo, lui ha ragione e io torto, però non è che ci si può fermare in curva come se niente fosse. Niente di rotto, ma tanta paura.

È stata una conferenza “interassessoriale” come l’ha definita Nappi, l’assessore al Lavoro. Nell’ordine ci hanno spiegato Piano Casa versione 2010 (e io l’avevo imparato a memoria, avendo seguito la cosa dalla prima stesura con Bassolino e poi i Consigli infiniti), poi il piano di sviluppo rurale e, dulcis in fundo, i primi bandi per il lavoro.

I miei ci hanno mandate in due, ma una soltanto ce l’avrebbe fatta lo stesso, come dimostra anche il fatto che tutti gli altri erano soli. Ad ogni modo, io ho seguito casa e lavoro, mentre l’altra collaboratrice il piano agricoltura.

Stavolta c’era anche la socia. Meglio così, certe cose, in due, si affrontano meglio. Perché è tutto il contorno, a volte, che complica fatti semplicissimi. Al termine della triplice conferenza – “Avanti il prossimo”, sembrava di stare a un esame all’università – io e la socia siamo andate a occupare i pc nella stanza di Nappi, che per un po’ è diventata la redazione dei giornalisti randagi.

C’è una cosa su tutte che mi ha colpito e che nei pezzi non ho scritto. Nappi, prima di andare via ha detto che se il lavoro è stato fatto in tempi record “è grazie a un gruppo di persone che in cambio ha ricevuto solo il mio grazie”. Tra queste c’è una nostra amica, quella che da quando si è insediata la nuova Giunta, noi non siamo state in grado di incontrare perché lei arrivava distrutta a sera.

L.

La via dei pastori

Sono rientrata a pieno ritmo nella quotidianità lavorativa. E ne sono contenta, ieri quando me ne sono accorta ho sorriso, perché davvero mi mancava.

Ieri per lavoro sono stata a San Gregorio Armeno, perché Genny Di Virgilio consegnava la statuina che la raffigura alla Polverini. Un orario scomodissimo, le tre, ci sono andata con la borsa piena di regali perché ho saltato il pranzo in favore dello shopping. Ma andarci è stato bello, anche se qualcosa è cambiato pure lì. San Gregorio Armeno è uno degli angoli di Napoli che mi piace di più, in assoluto. Io lo trovo magico, con tutti quei pastori e quelle botteghe che sembrano lì da secoli. È come se mi riportasse indietro ai migliori ricordi del Natale, come fosse rassicurante.

Comunque, dicevo, è venuta la Polverini ed è pure simpatica, molto più di quanto immaginavo. E a fine lavoro, mentre tornavo a casa, sono riuscita pure a prendere un pezzo nuovo per il mio presepe, che ogni anno compro qualcosa ma non ne avevo avuto il tempo.

Poi ho dovuto scrivere del caos Madre e Mercadante. A Largo Donnaregina i lavoratori, già in cassa integrazione, sono in sciopero a oltranza e io ho iniziato il mio pezzo ricordando che per loro non sarà affatto un buon Natale. Perché possiamo parlare quanto vogliamo degli sprechi di Basssolino, ma alla fine chi ci rimette non è certo lui. Al Mercadante è successo un casino perché il cda ha revocato l’incarico al direttore De Rosa per darlo a De Fusco. Pratiche da spoil system, perché il primo era indicato dal centrosinistra, questo dal centrodestra, ed è inutile negarlo. Solo che i tre consiglieri del Comune hanno votato contro De Rosa (nonostante l’assessore competente, Nicola Oddati, sostiene di aver dato indicazioni contrarie) e quindi ora Palazzo San Giacomo chiede la loro testa.

Nel frattempo a Napoli c’è ancora la munnezza. Pure il sindaco, che è solita essere talmente ostinata da non vedere l’evidenza, si è arresa e ha detto che passeremo Natale con l’immondizia.

E ora vado a prepararmi, perché seguo una cosa con la socia e prima ci prendiamo un caffè per iniziare bene questa giornata.

A.

Ps. Ieri la Polverini ha detto una cosa che mi è piaciuta. A chi le chiedeva come avesse trovato Napoli ha detto “Sì, vabè, ci stanno i rifiuti, ma Napoli è sempre magnifica”. E al di là dei rifiuti, hanno insistito?. E lei: “Napoli è Napoli, come Roma e Roma. Non puoi cambiarle, sono così e sono bellissime”. Un po’ di questo entusiasmo, dalle nostre parti, non guasterebbe.

Piano casa versione 2010

Il Consiglio regionale, convocato per le 11, è slittato tre volte: prima alle 12, poi alle 13, infine alle 17. Nei fatti è iniziato alle 17.40. Solo nella notte, hanno approvato il Piano casa versione 2010, modificando quello vecchio. Avrei scritto un bel pezzettino se si fossero decisi prima e sarei anche stata contenta nonostante la giornata di merda.

Il Pdl sostiene che non sarà una nuova cementificazione, il Pd non ci crede e si domanda perché mai mettere mano alla precedente stesura. L’opposizione di centrosinistra ha presentato qualcosa come 300 emendamenti e subemendamenti (ben poca cosa rispetto a quelli presentati al Bilancio previsionale 2009 del Comune di Napoli, ma tant’è). Il centrodestra ha fatto la sua controproposta: un maxiemendamento che raccogliesse le varie osservazioni. Ora, in un altro contesto, per analizzare e discutere la controproposta, il Consiglio sarebbe stato spostato a nuova data, invece qui non funziona così. Le riunioni le hanno fatte in mattinata, nel pomeriggio, ancora in serata fra continue sospensioni della seduta.

Io ho trascorso la giornata nel palazzo al Centro direzionale, un posto che è una punizione perché quando esci da lì non c’è niente e alle 17, orario di chiusura degli uffici, si svuota e diventa anche un po’ insicuro.

In sala stampa i computer sono una schifezza, i cellulari non prendono e non c’era aria calda, ma condizionata freddina. Lì ho perso il mio registratore. La scorsa settimana l’ho dimenticato accanto alla mia postazione e non ha fatto più ritorno a casa nonostante le mille telefonate al posto di guardiania. Io, però, ho un sospetto, ma lascio stare che è meglio.

Se dovessi fare la lista delle cose che lì vanno male, non finirei più. Mancano di rispetto i consiglieri che fanno slittare i consigli così da finire sui giornali due giorni dopo il fatto. Mancano di rispetto gli uffici stampa dei consiglieri stessi che ti tolgono l’aria, ti pressano e leggono mentre scrivi e tu hai voglia a dire: “Ti dispiace? Mi dà fastidio”, loro non se ne fregano e stanno lì alle tue spalle fino a quando tu non chiudi il documento per farglielo capire sul serio che se ne devono andare. Mancano di rispetto quelli che lavorano come uscieri o non so cosa che entrano in sala stampa e telefonano come se niente fosse e si mettono al pc. Mancano di rispetto i consiglieri che fanno lo spicciabancone in sala stampa.

Mancano di rispetto certi colleghi imbecilli e coglioni che credono di aver conquistato il mondo e mentre tu stai facendo capa e pc perché si è impallato tutto, chiamano in redazione e dicono: “Passa il comunicato, alla tipa si è bloccato il computer e ci mette tempo a inviarti il pezzo”. No, non si fa così. Quando ho sentito il mio capo, lui ha provato ha ridimensionare la mia ira, ma ha capito che non c’era molto da fare: io avevo ragione, il lavoro degli altri va rispettato.

Forse è per questo che mi ha detto che potevo andar via alle 21. Sono rimasta per scrupolo mezz’ora in più e le cose sembravano stessero per finire, dopotutto il maxiemendamento in qualche modo era stato accettato da tutti. E invece no.

Sono fuggita dal Centro direzionale e sono corsa dalle mie ragazze. Loro mi aspettavano e quando sono arrivata mi hanno detto: “Conosci la regola: stacca il telefono e rilassati”.

L.

Doveva essere un weekend rilassante…

Venerdì partiamo dopo il lavoro alle 6 e mezza…in macchina c’erano due amici…dopo circa un’ora si svela che non dovevamo andare a roma ma a fare un weekend a Pescasseroli per festeggiare il mio esame…io tutta contenta…..inizia l’odissea.
Traffico infernale sull’autostrada. Dopo mille ore arriviamo all’altezza di Caianello (dove dovevamo uscire) ma era chiusa, facevano andare solo i camion. Usciamo a San Vittore e ci avviamo sulla strada di Sora verso il passo di Forca d’Acero. Montiamo le catene. Non siamo sicuri che si siano montate bene. Fermiamo dei tizi che ci aiutano. Dopo un po’ ci aiuta pure la Protezione Civile. Tutto ok, il passo dovrebbe essere aperto, proseguite con prudenza. Arriviamo alla salita verso Forca d’Acero. Nevica a pazzi, ma è da poco passato lo spazzaneve. Man mano che saliamo la situazione peggiora. A un certo punto su un tornante strettissimo la macchina ha difficoltà a proseguire. Si spaccano le catene. Rimaniamo impantanati nella neve al bivio di San Donato Val Comino. I due uomini tentano di fare qualcosa (a un certo punto erano sotto la tormenta in maglietta), ma niente. È l’una e mezza, non riusciamo più andare ad avanti, chiamiamo i carabinieri e ci chiudiamo in macchina.
Dopo un bel po’ arrivano i carabinieri. Stiamo mezz’ora in mezzo alla neve mentre si cerca di spostare la macchina da mezzo alla strada (tipo eravamo parecchi gradi sotto lo zero, ero in piedi sotto la tormenta e dopo due minuti ero un pupazzo di neve). Spostata la macchina i carabinieri ci portano in un ridente albergo a Sora dove rimediamo una camera in 4, dormiamo in due in un letto singolo nella stanza che pare della mia bisnonna, con coperte andiluviane e armadi che puzzano di naftalina. Per la cronaca, fuori c’era una pozza di neve sciolta, per entrare in albergo ci metto i piedi dentro (non c’era altra soluzione) e le mie scarpe pelose e calde con la suola di gommapiuma diventano due laghi. La mattina dopo ci svegliamo, facciamo colazione e andiamo a dai carabinieri. Li convinciamo a riaccompagnarci alla macchina, ….arriviamo su, dopo due ore e l’aiuto dei passanti leviamo la macchina da quel metro di neve in cui era sprofondata e proviamo a ripartire. Arrivati a DICIOTTO chilometri da Pescasseroli ci riblocchiamo, c’è ghiaccio a terra, noi non abbiamo più le catene e con tutto il sale e lo spazzaneve la macchina slitta. Torniamo indietro e ci dicono che pure la strada di Castel di Sangro è una munnezza, quindi decidiamo che ormai il weekend è andato a puttane e torniamo a Napoli.
Ok, detto così sembra una tragedia. In realtà mi sono fatta un sacco di risate perché era una situazione assurda.
Credo di essere contenta che è lunedì, stavolta 😀
A.