Archivi tag: comune napoli

Trova la notizia

Due giorni fa il Governo ha approvato un decreto rifiuti che non soddisfa nessuno. Non de Magistris che lo ha definito “pilatesco” (è tra le parole che preferisce quando si parla del Governo), non Caldoro per il quale è “non è sufficiente”, non il presidente della Repubblica Napolitano il quale ha affermato che il decreto “non è risolutivo”. In definitiva la Regione dovrà trattare comunque singolarmente con le altre Regioni “limitrofe” per portare lì i nostri rifiuti.

Ieri era il day after e io dovevo occuparmene. La telefonata mi è arrivata mentre ero ancora in treno ché tornavo da Roma. Mi sono messa a lavorare e qualcosa l’ho tirato fuori. Soprattutto che la Regione aveva già avviato i contatti con Puglia, Toscana, Emilia Romagna, Marche, Friuli Venezia Giulia e Calabria. Mo, alcune di queste proprio limitrofe non sono. Non ho capito perché né la mia fonte me l’ha saputo spiegare…

Il caposervizio – quello che mi martella – era tutto contento e ne ha fatto una “B”, notizia con le stellette nel titolo.

” ++ RIFIUTI:CAMPANIA;AVVIATI PRIMI CONTATTI CON 6 REGIONI ++            NAPOLI, 1 LUG – Sono stati avviati i primi contatti con le altre Regioni per portare i rifiuti fuori dalla Campania. Il giorno dopo l’approvazione del decreto rifiuti da parte del Consiglio dei ministri, che prevede accordi diretti tra Campania e singole Regioni per il trasferimento in altri territori, l’Assessorato all’Ambiente della Regione ha sentito Comuni, Province e chi gestisce gli impianti e avviato i primi contatti con le altre Regioni. Tra le prime Puglia, Emilia Romagna, Marche, Calabria, Toscana e Friuli Venezia Giulia mentre si continua a lavorare così da allargare il fronte delle Regioni disposte ad accogliere i rifiuti campani.”

E’ successo il finimondo perché le altre agenzie non hanno creduto che fosse una mia notizia, ma un comunicato che a loro non è stato girato. Così ignari si sono presi cazziate per un presunto diverso trattamento tra testate che non c’è stato. Almeno stavolta. Perché sono stata io. Non ci crederanno mai, ma la verità è questa.

A loro, le altre agenzie (una in particolare, ma non facciamo nomi né sigle) vorrei dire che i giornalisti non passano solo comunicati. Che certe redazioni (quelle normali) lasciano carta bianca ai collaboratori per portare le notizie e dopo dicono loro: “Bravo” se hanno trovato qualcosa o lo cazzeano se tornano a casa a mani vuote. Che è inutile lamentarsi dopo di non essere stati avvisati perché le fonti non le tiene sotto controllo nessuno, sono tante e non sempre istituzionali. Che io sono contenta quando mi chiamano per dirmi che ho causato malumori in persone che si fingono amiche, ma tanto amiche non lo sono.

Fare il giornalista è un po’ fare il segugio, l’investigatore, la spia. Io mi diverto a farlo, anzi si può dire che è la parte più bella di questo mestiere.

L.

Annunci

Ed è ancora 24 maggio

Oggi ho sperimentato un nuovo modo di fare appostamenti. Non fuori al portone, ma dentro ai palazzi. Così la riunione convocata da Caldoro con quelli di Fincantieri, dopo l’annuncio dell’ad che lo stabilimento di Castellammare sta per chiudere e la guerriglia di ieri, l’ho seguita dai corridoi e dalle stanze del terzo piano di palazzo Santa Lucia. E non perché – ci tengo a precisarlo – loro siano buoni e gli altri siano cattivi. Ma perché alla fine quella di oggi era una cosa tranquilla, spinosa sì, ma tutti condividevano la stessa posizione: il piano industriale di Fincantieri è inaccettabile. E’ stato abbastanza semplice. Tutti, proprio perché d’accordo, erano ben disposti a parlare. Quando la riunione è finita, Caldoro ci ha incontrati nell’anticamera del suo studio. Ero agitata e là dentro c’erano almeno 40 gradi. “Una battuta al volo perché deve andare via”, ci avevano detto mentre ci portavano nell’altra stanza. Invece, andata via la tv, si è seduto e ha cominciato a parlare. Sì, sempre Fincantieri. Poi esaurito l’argomento, con la sua solita capacità di non rispondere alla domanda, ha detto: “Oggi è successo altro?” Oddio, no! Non lo so, in realtà, come se quello che era successo non fosse già abbastanza. Quattro chiacchiere, chi vince, chi perde, cosa accade nel resto della Campania e la perdita d’acqua che è una cosa normale rispetto ai fiumi n piena che si scatenano a Napoli. Ma io a mio agio proprio non mi ci sento.

Prima di Santa Lucia sono stata al comitato elettorale di Lettieri (va be’ prima anche a un convegno sui lavori pubblici e per gli a margine servirebbe un libro, non un post). Una conferenza per denunciare il clima d’odio e di violenza di questi giorni. Ieri l’ultimo episodio: due volontari sono stati aggrediti mentre erano in piazza Dante con un gazebo per distribuire materiale elettorale. Io oggi quei due ragazzi li ho conosciuti. Di quelli buoni davvero, quelli che magari alle superiori erano le vittime della situazione, dei bulli si direbbe oggi. E davvero non capisco il perché di certi gesti.

Che vinca l’uno o l’altro (a me non piacciono entrambi) non saranno in grado di amministrare, placare gli animi infiammati di questi giorni, tappare le buche per le strade, risolvere il senso di inciviltà così diffuso e l’invivibilità di una città che ti aggroviglia e non ti lascia.

Gli ultimi giorni di campagna elettorale sono tremendi per tutti e io stamattina ho anche risposto male a un collega. Mi sono sentita aggredita. Non è la prima volta che succede e anche l’altra volta il bersaglio è stato lui. Io lo so che è stato fatto apposta, che uno poi si atteggia a grande quando grande non lo è e si sente bruciare se le cose non le ha sentite con le sue orecchie o ancora non c’ha pensato lui a porre quella domanda. No, così non va bene. Io devo imparare a stare zitta e non rispondere.

L.