Archivi tag: epidemia colposa

Con la monnezza si fanno male tutti

La notizia è arrivata ieri sera: Caldoro è indagato per epidemia colposa. Prima di lui Bassolino, la Iervolino e Pansa e, come precedente storico, nel 1973 per il colera che colpì Napoli, Morante, medico provinciale, Ortolani, ufficiale sanitario del Comune, e Rivieccio, presidente del Porto (e altri ancora). Questi ultimi tre furono completamente assolti perché il fatto non sussisteva. Iervolino, Bassolino e Pansa sono ancora in attesa. E mo tocca a Caldoro. Perché con la monnezza si fanno male tutti.

Per lui l’accusa è di non aver rispettato quanto scritto nell’articolo 7 bis della legge 1 del 2011 (il famoso decreto rifiuti poi trasformato in legge, quello per il quale sono saltate cene, è arrivato Silvio B. il giorno del compleanno della socia e io ho trascorso intere giornate e parte della notte sotto la Prefettura). Di non aver fatto qualcosa cioè. Quest’articolo dice che “nella permanenza di condizioni di  criticità derivanti dalla  non  autosufficienza  del  sistema  di  gestione  dei rifiuti prodotti nella regione Campania e fino  alla  completa realizzazione dell’impiantistica necessaria per la chiusura del ciclo integrato dei rifiuti (…) il  Presidente della Regione Campania provvede, senza nuovi o maggiori oneri per  la finanza pubblica e nell’ambito delle  risorse  umane,  finanziarie  e strumentali previste a legislazione vigente incluse  quelle  indicate all’articolo 3, con una o più ordinanze, (…) all’apprestamento  delle  misure  occorrenti  a  garantire   la gestione ottimale dei rifiuti e dei relativi conferimenti per  ambiti territoriali sovraprovinciali”.

La sua copla è non aver firmato queste ordinanze. L’unica è stata quella dell’ottobre scorso, prima degli appostamenti in Prefettura, e aveva scatenato polemiche e proteste per cinque giorni durante i quali Napoli avrebbe portato la sua monnezza a Savignano Irpino (Avellino), San Tammaro (Caserta) e Sant’Arcangelo Trimonte (Benevento). Ieri lui ha mandato un comunicato (non alle agenzie perché quelle poi danno ufficialità alla cosa. E sticazzi no?) per spiegare che non se l’aspettava un suo coinvolgimento perché ha fatto tutto il possibile e anche di più. Insomma diceva lui, casomai qualcuno non l’avesse ancora saputo, che aveva ricevuto un avviso di garanzia. Però alle agenzie, appunto, non voleva dirlo. Solo che “una notizia un po’ originale non ha bisogno di alcun ‘comunicato’ gira veloce di bocca in bocca come una freccia dall’arco scocca”. Così l’hanno saputo tutti.

Oggi, alle 16 di un caldissimo pomeriggio di una domenica di fine giugno, ha convocato la stampa per dire che non ci sta a prendersi le colpe degli altri. Ha annunciato che la Regione lascia tutti i tavoli istituzionali, così da poter lavorare in libertà. Che la colpa è dei sindaci e poi com’è che “Nola e Portici tengono le strade pulite e Napoli no?”. La colpa è del Comune che non ha pensato alla differenziata, della Provincia che non ha individuato a suo tempo i siti di trasferenza, della Regione che è stata un po’ morbida. Comunque Caldoro ha precisato che i flussi extraprovinciali ci sono stati lo stesso, anche senza ordinanze perché le altre Province bene o male hanno accolto la nostra monnezza: 100 mila tonnellate, ha detto lui.

Avrei pagato per andare a seguire la conferenza. Sono stata informata passo passo da altri colleghi che erano lì. Era incazzato, mi hanno raccontato. Era troppo grande la curiosità di sentire dal vivo cosa avrebbe detto, di saperlo prima e di correre a scrivere, a dettare, a mandare sms, a dirlo agli altri. Toccherà anche a me. Adesso è tempo di aspettare.

L.

Annunci

Epidemia nel 2008? Quale?

Cinque piani di corsa, con le scale fatte a due a due. Il giornale che cade dalla tracolla e porta via appena una manciata di secondi. Attaccata a me la socia (perché dove c’è Consiglio, Comune o sindaco  c’è la socia). Dobbiamo arrivare su il prima possibile. Il sindaco, giunta in via Verdi per il Consiglio, ha detto che doveva salire perché c’era l’appello a mezzogiorno preciso. Ma vista la sua riluttanza di ieri nel parlare dell’avviso di chiusura indagine per epidemia colposa per l’emergenza rifiuti del 2008, ho creduto che fosse un modo per svincolarsi anche oggi.

“Saliamo a piedi”, dico alla socia che corre con me e a un certo punto mi fa: “Rallenta”. Mi rimprovera l’ansia che mi è venuta.

Su invece la Iervolino parla e spiega che la documentazione richiesta dalla magistratura è pronta e tra gli atti c’è un comunicato del Ministero della Salute, che risale appunto al 2008, che esclude qualsiasi epidemia legata alla monnezza per le strade di Napoli.

Poi come un vortice tutto prende a girare fortissimo. Lei che interviene mille volte tra commemorazioni, cavità del sottosuolo che potrebbero accogliere una parte dei rifiuti, la cosiddetta frazione stabilizzata che, di fatto, “non è più un rifiuto”, ma è un’assurdità lo stesso.

E meno male che c’è la socia a darmi una mano perché poi quelli lì pretendono pure che i lanci escano in fretta e hanno quasi minacciato rettifiche preventive rispetto a una querela che la Iervolino intende fare al Messaggero. Perché lei, il sindaco, ha detto che quel giornale ha tirato in ballo la madre, in realtà l’articolo parlava della figlia. Ora, siccome l’errore non è il mio, a che pro una minaccia di rettifica? Mi sono incazzata per nulla, i miei il lancio non l’avevano ancora messo in rete e quindi abbiamo sostituito ‘madre’ con ‘figlia’.

Sono stati giorni strapieni di tutto e di niente e domani che ho da seguire cose semplici, per così dire, non mi sembra neanche vero che forse avrò un po’ di tempo per stare a casa.

L.

Epidemia colposa

E’ come una tegola in testa. A sei mesi dalla fine del suo mandato, la Iervolino si è vista recapitare un “avviso di chiusura indagine che ha ricevuto oggi per “epidemia colposa” per l’emergenza rifiuti del 2008. Con lei anche altri numerosi primi cittadini della provincia di Napoli.

Una cosa che ha un suo precedente. Nel ’73, quando a Napoli ci fu il colera, i politici dell’epoca furono raggiunti dallo stesso avviso e tutto si risolse poi, qualche anno più tardi in un nulla di fatto.

E’ bastato questo, però, ai miei per mandarmi sotto Palazzo San Giacomo ad aspettarla per chiederle un commento e già che c’ero anche per la notizia di utilizzare eventualmente le cavità del sottosuolo come discariche per i rifiuti, “ma solo la frazione stabilizzata”, nell’attesa che il termovalorizzatore di Napoli Est sia costruito.

Sono tornata a casa dopo aver seguito, ovviamente aspettando fuori, il tavolo tecnico sui rifiuti, a Centro direzionale, dove tirava un vento che portava via anche i sacchetti dell’immondizia. Man mano che i partecipanti uscivano, da Caldoro a Paolo Romano, dalla stessa Iervolino ancora ignara di tutto ai presidenti delle Province campane, il quadro si delineava. Però le posizioni restano variegate. Da un lato il sindaco che dice “la provincializzazione non va bene” (ogni territorio cioè gestisce la propria monnezza) perché Napoli “ha poco spazio e molti abitanti”, dall’altro le Province che sottolineano di voler andare avanti su questa strada. E allora via alla “provincializzazione solidale”, vi diamo una mano, cioè, ma non esageriamo.

La telefonata per l’appostamento mi arriva mentre sono ancora in macchina mentre fuori it’s raining cats and dog. Giusto il tempo di tornare, scrivere un ultimo pezzo sulla mattinata e poi scendere di nuovo.

Quando il sindaco è arrivata, però, stavolta non mi ha voluto parlare. I vigili mi hanno bloccata, chiesto tre volte di mostrare il tesserino e alla fine mi hanno lasciata andare troppo tardi: lei era già entrata nel suo studio e non sono riuscita a incontrarla di persona. Lei ha affidato al suo ufficio stampa le comunicazioni che voleva dare alla stampa. “Non ho nulla da rimproverarmi e sono a disposizione della magistratura”.

Incazzata, stanca e con il mal di testa che imperversa, ho scritto da un pc del Comune, perché in fondo sono un po’ “vagabonda”, ma anche questo è lavorare per un’agenzia come collaboratrice: avere tempi strettissimi, ma non la possibilità di accedere in redazione (o di farlo il meno possibile).

E stamattina ci riproviamo. C’è Consiglio comunale, la sesta seduta sul Piano sociale di zona. Noi, la socia e io, arriviamo prima perché dobbiamo assolutamente strapparle una frase su questo avviso che ha ricevuto e per il quale è arrivata la solidarietà da tutti, Pd e Pdl, come se niente fosse.

Intanto fuori piove ancora e a lavoro ci andiamo in metropolitana e in pullman. I motorini restano nei garage.

L.