Archivi tag: lettera di messa in mora rifiuti

L’Europa non sospende la procedura, ma “certi passi sono stati fatti”

“C’era una donna, bionda, alta 1metro e 90, sembrava una vichinga e ogni volta che Potocnikcesa accennava un segno con la testa, dietro di lui faceva: ‘mmmm'”. Racconti di retroscena dell’incontro a Bruxelles di Regione, Comune e Provincia con Hahn e Clini.

L’Italia ha strappato sei mesi, allontanando lo spettro della multa. Insieme, Italia ed Europa, lavoreranno per risolvere la questione entro giugno. L’Europa ha aperto una linea di credito, riconoscendo ciò che finora è stato fatto e continuerà a vigilare.

Soprattutto, ed è forse la prima volta da che riesco ad averne memoria, ha detto che i fondi bloccati, i 145 milioni più o meno, che sono destinati alla Campania , potrebbero essere sbloccati, a patto che vengano rispettate condizioni che, però, non sono ancora state rese note.

Era quasi di euforia (ne avevano anche ragione) le dichiarazioni di de Magistris, Caldoro e Cesaro che lavoreranno ancora insieme per evitare la multa. Potocnik, il commissario europeo all’Ambiente ha detto: “L’Unione Europea non sospende la procedura, ma prende atto che certi passi sono stati fatti”.

L.

Termovalorizzatore a Napoli Est in risposta all’Ue

Resta la localizzazione di Napoli est come luogo dove potrebbe sorgere il termovalorizzatore. Nel documento inviato all’Unione europea e che costituisce la risposta italiana alla lettera di messa in mora dello scorso settembre, viene indicato, tra gli impianti finali, anche quello che dovrebbe sorgere a est del capoluogo campano e questo nonostante l’incontro in Prefettura tra Ministero dell’Ambiente, Regione, Comune e Provincia di Napoli, durante il quale quell’impianto fu “stralciato”.

Per questo impianto, nel documento si legge che lo scorso 13 dicembre e’ stata avviata “la procedura di dialogo competitivo” per la quale l’Avvocatura di Stato aveva espresso parere favorevole. Tale procedura si e’ conclusa agli inizi di gennaio alla quale ha partecipato l’Ati costituita da A2A, Cnim Sa ed Eureca Consorzio Stabile.

Nel caso di Salerno, a causa del ricorso della seconda azienda classificata per la gara d’appalto europea e della tempistica necessaria per la verifica antimafia, la stipula del contratto avverrà alla fine di questo mese (gennaio 2012) cosa che inciderà sui tempi di realizzazione e messa in esercizio dell’impianto che, si legge nel documento, che avverrà nel 2014.

Per quanto riguarda il termovalorizzatore per lo smaltimento delle ecoballe, si stima, dopo tutti gli adempimenti, un tempo di quattro anni per la costruzione, con operatività prevista per il 2015.

Nel documento sono elencati anche i punti relativi agli impianti di compostaggio e di digestione anaerobica. Nel primo caso, viene fatto presente all’Unione europea che in regione sono attualmente tre gli impianti attivi mentre sono in fase di completamento quelli di Giffoni Valle Piana, Eboli e San Tammaro .

Per gli impianti di digestione anaerobica, è prevista, infine, Viene prevista anche la costruzione di impianti a digestione anaerobica negli Stir di Battipaglia, Tufino, Casalduni, Santa Maria Capua Vetere, Pianodardine e Giugliano.

L.

Sei discariche in provincia di Napoli e quattro a Salerno

Discariche, impianti intermedi e finali, raccolta differenziata. E’ tutto contenuto nella risposta (circa 40 pagine e diversi allegati) dell’Italia alla lettera di messa in mora per la questione dei rifiuti inviata lo scorso settembre dall’Unione europea.

Nel primo degli allegati sono indicati i siti, individuati dal commissario straordinario per le discariche, Annunziato Vardè, nominato dal presidente della Giunta regionale campana, Stefano Caldoro. Sono sei in provincia di Napoli: Chiaiano, Giugliano (Masseria Monticelli), Pozzuoli (Il Castagnaro Ovest), Comiziano (Campo Frazione Faibano), Marano (Cupa dei cani) e Sant’Anastasia; 4 nel Salernitano: Laurito, Caggiano, Nocera Inferiore e Battipaglia.

L.