Archivi tag: odissea all’alba

I would…

Vorrei che domattina non fosse già giovedì di una settimana infernale. Vorrei svegliarmi e sentire che l’equipaggio di Asso 22 è tornato libero e a casa, anche perché fin quando non lo saranno loro, non lo sarò nemmeno io e mi toccherà appostarmi alla Riviera di Chiaia. Vorrei godere del sole caldo di questi primi giorni di primavera. Vorrei che fosse venerdì sera per sapere se sarò sopravvissuta a una nuova prova che vivo con ansia. Vorrei rendermi conto che la campagna elettorale è qui. Vorrei avere il tempo per dare fondo al mio conto in banca per comprare il motorino nuovo. Vorrei chiarezza. Vorrei tutte cose che ora non sono possibili.

L.

Annunci

Something new

Mentre l’Onu dava l’ok per i bombardamenti che dovrebbero servire per l’istituzione della ‘no fly zone’, la socia preparava la valigia senza salutare il mondo fin qui conosciuto. Abbiamo cominciato a salutarci con il pranzo dal giapponese la scorsa settimana, martedì, quando era ancora indecisa se accettare o meno.

Poi Napoli è una questione mondiale, quasi l’ombelico del mondo e così mentre in Libia le bombe venivano sganciate, nelle acque che la bagnano navigava un mercantile, l’Asso 22, con a bordo 8 italiani di cui 2 napoletani che è stata sequestrata. Manco a dirlo l’armatore è di Napoli. Io è da lunedì che sono appostata davanti al portone, giù alla Riviera di Chiaia. E mentre lo facevo ero a telefono e in chat con un’amica della socia per organizzare la serata, un brindisi a sorpresa.

L’armatore della compagnia, l’Augusta Offshore, ha deciso di indire una conferenza stampa alle 18.15 e di incontrare tutta la stampa del mondo per le scale del palazzo. A un certo punto, mentre il tipo parlava, nella calca infinita, ho sentito una spinta sulle gambe. Ho abbassato lo sguardo e ho visto un collega che gattoni arrivava con il suo microfono davanti, per non perdere l’intervista.

Sono tornata a casa sfatta e mi dicevo: ‘Non è il momento di crollare per la stanchezza’. Una doccia e via, di nuovo in strada perché la socia mi aspettava. Già quando è uscita da casa sua, qualcosa mi diceva che avesse sospetti. Poi abbiamo parcheggiato e siamo entrate in uno dei locali di San Pasquale. La guardavo e lei nascondeva un sorriso un po’… come dire? beffardo. E poi dentro è stato chiaro che se lo aspettava. Ha detto: “Mi ero preparata anche la faccia sorpresa”. Peccato che non l’abbia fatta.

Dopo, tornando a casa, mi ha detto: “Mentre eravamo in piazza San Pasquale, davanti a noi c’era il motorino del nostro amico (lo stesso che gattonava alla conferenza)”. No, io non l’avevo visto. E pensare che ero stata messa in guardia: “Stai attenta, quello lì ti rovina la sorpresa”.

L.