Archivi tag: popolari per il sud

I Bros e il diritto di replica

Bros in conferenza stampa

Questa è la città dell’assurdo. Solo noi abbiamo i disoccupati che si organizzano, perché anche per loro vale che l’unione fa la forza. Solo da noi, dopo essersi costituiti in ‘Movimento di lotta per il lavoro’, prendono il nome di Bros, dal progetto della Regione Campania, mettono a ferro e fuoco Napoli perché vogliono essere ascoltati e rovesciano cassonetti, bruciano autobus e bloccano il traffico quando si chiudono le fontane dei sussidi. Solo da noi aggrediscono politici e assessori e poi organizzano una conferenza stampa perché, dopo l’ennesimo episodio di violenza, i giornalisti hanno scritto le cose senza sentire la loro versione dei fatti. Solo da noi i disoccupati organizzati chiedono di esercitare il “diritto di replica”.

E siccome noi siamo la stampa democratica, stamattina siamo andati alla conferenza che loro avevano organizzato davanti alla sede Rai di Napoli, con

La stampa bugiarda

tanto di scrivania, microfono, relatori e megafono (che, però, normalmente, non c’è).  Poi, visto che sanno come fare le cose, hanno portato i pannelli per mostrare anche con i disegni quali siano le loro competenze per la raccolta differenziata, ma soprattutto quelli contro la stampa “bugiarda” dove il naso di Pinocchio diventa una stilografica e lo stesso vale per la canna di una pistola. Per non parlare del calamaio con il cui inchiostro noi scriviamo solo bugie.

Innanzitutto loro – i Bros – non hanno aggredito l’assessore Nappi né tantomeno Mastella la scorsa settimana. Poi, cosa non secondaria, non hanno spedito loro la lettera minatoria a Mastella scrivendo ‘Pasqua’ con la ‘cq’ e cioè ‘Pascqua’. Anzi prendono le distanze da tutta questa violenza ed esprimono solidarietà anche alla mamma di Nappi che “con quello che fa il figlio non ha nulla a che vedere”. Però, per loro, lo stesso Nappi è un provocatore, uno che ha appoggiato  con la Lonardo del suo stesso partito ed ex presidente del Consiglio regionale, le vecchie politiche di formazione quando in Regione c’era il centrosinistra, poi “si sono riciclati passando al centrodestra e le cose non gli stanno bene più”.

E ancora: non è vero che vogliono il sussidio o il posto pubblico (quello resta un sogno per molti), vogliono lavorare “per quello che sappiamo fare”. Non è vero che percepivano soldi senza fare nulla: li ricevevano, a fine mese, perché facevano delle work experience. Mo, vaglielo a spiegare che tutti hanno fatto work experience, stage, tirocini, anche fuori città e senza vedere un euro a fine mese né un buono pasto o uno sconto. Ma loro sono organizzati, gli altri no. E questo può bastare a renderli diversi, titolari di un diritto, quello al lavoro, che, dicono loro, “ci viene negato”. Solo a loro, eh!

L.

Annunci

Il sabato del villaggio

I sabato di campagna elettorale sono cominciati. Va be’, adesso è solo per le primarie di centrosinistra, però l’aria che si respira è quella.

Stamattina è stato il turno di Nichi Vendola, io e la socia abbiamo lavorato di nuovo insieme e mentre tutti – compresi altri colleghi – lo aspettavamo al teatro Augusteo lui se ne stava beato al Gambrinus dopo aver rilasciato un’intervista a Sky, come se non bastasse quella che già c’era sul Corriere del Mezzogiorno.

Mirafiori e la vittoria del Sì, ma è una vittoria “amara” perchè lo scarto coi no è stato basso (54% i sì, 46% i no), Ruby, “vergogna planetaria” e la caduta degli dei che però “come colonna sonora hanno Apicella e non Wagner”. Il teatro è pieno, la gente lo ascolta e ascolta anche Mancuso, l’ex magistrato delle stragi che si è candidato alle primarie. Io e la socia ci guardiamo: “Azz, s’è svegliato”. E sì, perché sabato scorso era stato un po’ una delusione sentirlo al confronto pubblico tra i Fab Five. Vendola parla, dice che Bassolino nella seconda legislatura alla Regione “inglobò due centri di riabilitazione, a Nusco e a Ceppaloni”. L’affondo, manco a dirlo, è a De Mita e Mastella, le “bande centriste” come Nichi le ha definite, che “armi e bagagli sono passate al centrodestra” perché chi nasce a Nusco e a Ceppaloni, nasce per essere “classe di governo chiunque governi”.

Anche stavolta in tanti sono venuti a sentire, ad ascoltare, a vedere se il teatro fosse pieno. Esponenti del Pd, qualche assessore comunale, consiglieri simpatizzanti. Però la platea era meno interessante – seppure più giovane – dell’altra volta.

La monnezza non poteva certo mancare, casomai noi volessimo (che so?) dimenticarla. “La magia di Berlusconi funziona soltanto se la monnezza me la prendo io in Puglia”, ha detto Nichi Vendola (che nei pezzi di una collaboratrice è diventato Nicky e per fortuna il caposervizio li ha corretti).

Una mattinata piena, con un ginocchio gonfio per aver sbattuto contro il motorino e dolori ovunque perché non ricordavo di avere tanti muscoli…

Quando l’incontro-comizio è finito, con un mare di cose da scrivere, sono salita in redazione, sperando che mi facessero sedere e usare il mio iPad. Tecnicamente non avrei usato alcun mezzo di lavoro della redazione. Ma la sedia e la scrivania lo sono. Io sono dovuta tornare a casa.  Questo più che targato gs o cs è prorpio roba da semicroniste.

L.