Archivi tag: stir

Termovalorizzatore a Napoli Est in risposta all’Ue

Resta la localizzazione di Napoli est come luogo dove potrebbe sorgere il termovalorizzatore. Nel documento inviato all’Unione europea e che costituisce la risposta italiana alla lettera di messa in mora dello scorso settembre, viene indicato, tra gli impianti finali, anche quello che dovrebbe sorgere a est del capoluogo campano e questo nonostante l’incontro in Prefettura tra Ministero dell’Ambiente, Regione, Comune e Provincia di Napoli, durante il quale quell’impianto fu “stralciato”.

Per questo impianto, nel documento si legge che lo scorso 13 dicembre e’ stata avviata “la procedura di dialogo competitivo” per la quale l’Avvocatura di Stato aveva espresso parere favorevole. Tale procedura si e’ conclusa agli inizi di gennaio alla quale ha partecipato l’Ati costituita da A2A, Cnim Sa ed Eureca Consorzio Stabile.

Nel caso di Salerno, a causa del ricorso della seconda azienda classificata per la gara d’appalto europea e della tempistica necessaria per la verifica antimafia, la stipula del contratto avverrà alla fine di questo mese (gennaio 2012) cosa che inciderà sui tempi di realizzazione e messa in esercizio dell’impianto che, si legge nel documento, che avverrà nel 2014.

Per quanto riguarda il termovalorizzatore per lo smaltimento delle ecoballe, si stima, dopo tutti gli adempimenti, un tempo di quattro anni per la costruzione, con operatività prevista per il 2015.

Nel documento sono elencati anche i punti relativi agli impianti di compostaggio e di digestione anaerobica. Nel primo caso, viene fatto presente all’Unione europea che in regione sono attualmente tre gli impianti attivi mentre sono in fase di completamento quelli di Giffoni Valle Piana, Eboli e San Tammaro .

Per gli impianti di digestione anaerobica, è prevista, infine, Viene prevista anche la costruzione di impianti a digestione anaerobica negli Stir di Battipaglia, Tufino, Casalduni, Santa Maria Capua Vetere, Pianodardine e Giugliano.

L.

Annunci

Partire e continuare a lavorare

Esterno tardo pomeriggio. Luce che filtra tra gli alberi della pineta, piedi nudi. Telefono che squilla. Butto un occhio: è lavoro.
– Cosa è successo?
– No, niente, abbiamo firmato l’ordinanza.
– Sono in vacanza, ma dimmi, il lancio lo faccio lo stesso.
– Sicura?
– Sì

Non l’avrei perso per alcun motivo al mondo quel lancio e l’ho scritto. Ero arrivata in campeggio, dai miei, da meno di un’ora.

++ RIFIUTI: ORDINANZA CALDORO PER SVERSARE FUORI NAPOLI ++ ACCERTA CRITICITÀ; DISPOSITIVO SARÀ ATTIVO GIÀ DA STASERA – NAPOLI, 30 LUG – Il governatore della Campania, Stefano Caldoro, ha firmato una nuova ordinanza per i flussi extraprovinciali. Il provvedimento, firmato dopo aver accertato le criticità degli impianti stir di Napoli che sono quasi saturi, è operativo già da stasera. La frazione umida tritovagliata, proveniente dagli stir napoletani, sarà sversata nelle discariche di Savignano Irpino (Avellino) e San Tammaro (Caserta). Il nuovo provvedimento, il terzo, consentirà di continuare con le operazioni di svuotamento degli stir che accoglieranno, così, i rifiuti di Napoli e della provincia.

La giornata al mare si preannunciava bellissima

L.

“La notizia apre il sito dell’agenzia”
“Tu la prima ad averla”

 

L’anno del Coniglio

Mentre la socia è via, a Bruxelles, a me oggi hanno fatto scrivere quel pezzo che lei mi chiede ogni volta che mi lamento della metropolitana che non funziona.

In più, stamattina, ho comprato le ballerine che avevo adocchiato ieri sera e provato mentre ero a telefono con la Sannino, quella di Metronapoli, per farle una mini intervista telefonica.

Ora, siccome è pieno pomeriggio, mi preparo ed esco. Stasera i cinesi festeggiano il loro capodanno e al Molo San Vincenzo ci saranno i fuochi d’artificio, gli stessi dell’inaugurazione delle Olimpiadi di Pechino.

Buon Anno del Coniglio a tutti! (a partire dalla mezzanotte, però, eh)

L.

p.s.: pare che la monnezza torni per le strade. Chiaiano si avvia alla saturazione, gli Stir lavorano a rilento e la Provincia di Napoli non ha ancora individuato i siti (o almeno non li ha resi noti)

La monnezza dove la metto?

La Prefettura, ormai, non ha più segreti: i corridoi, gli uffici, le scale e i due ascensori. A un certo punto, dopo l’ennesimo rinvio dell’approvazione del Piano sociale di zona in Consiglio comunale, è venuta pure la socia. Fino a quel momento, la compagnia non era stata proprio delle migliori, fatta eccezione per il collega dell’altra agenzia.

Oggi la Commissione parlamentare di inchiesta sulle ecomafie, e che si occupa pure di monnezza, ha tenuto delle audizioni. E io ho beccato all’uscita tutti gli ‘auditi’: sindaco, assessori, Cesaro, il procuratore. Poi è arrivata la socia, ha messo le mani nella borsa e ne ha tirato fuori un cioccolatino per me. Una pausa di dolcezza di cui avevo bisogno.

Pecorella, che è il presidente della Commissione, ha detto che Napoli e provincia rischiano il disastro ambientale da qui a 30 giorni. Roba da avere paura soprattutto se si pensa che, al momento, per le strade giacciono circa 10mila tonnellate e se non ci diamo una mossa tutti, hai voglia a dire che la discarica non la vuoi: ce l’avrai nelle piazze, nei vicoli, ovunque!

Intanto da domani, Napoli e provincia potranno sversare a Tufino. Giacomelli, l’assessore con delega alla monnezza del Comune ha fatto sapere di aver avuto l’ok dall’Ufficio flussi della Regione.  La monnezza deve essere messa da qualche parte: servono discariche nell’attesa che i termovalorizzatori siano pronti, è necessaria la differenziata perché così la quantità da mandare negli invasi si riduce.

La Iervolino era incazzata. Per le compensazioni che non arrivano, per la provincializzazione che ha definito “un’assurdità”. E ha ringraziato G.Romano, l’assessore della Regione che ha parlato delle compensazioni perché “se lo dico io è la solita Iervolino che va contro il Governo, se lo dice uno che non è di sinistra, dice una verità e va bene così”. Non ha risparmiato nessuno, nemmeno Caldoro che, dice lei: “I poteri per un’ordinanza ce li ha, anche se lui dice il contrario”.

E poi Cesaro. A domanda sulla storia dei rifiuti in Emilia Romagna ha risposto: “Ho fatto un errore a fare quell’annuncio, forse è stato per questo che è saltato l’accordo”. Lui l’ha detto, io l’ho registrato. L’ho scritto.

L.

L’immondizia di una giornata qualsiasi

Cinque minuti di calma in questa giornata, mentre aspetto la socia con cui andare alla seconda conferenza di oggi (la prima me la sono beccata mentre lei faceva la posta alla Prefettura, dove non succedeva un cazzo, ma forse pensavano che se ne fuggisse).

Per inciso, oggi ho cambiato dei pantaloni da Zara che la S mi va larga, preso un caffè con la socia, sentito una conferenza, dettato delle notizie, preso aperitivo con socia e un amico, raccolto notizie, mangiato, scritto due pezzi, raccolto altre notizie varie ed eventuali.

La brutta notizia è che l’emergenza rifiuti versione 2010 si sta complicando, almeno così mi sembra.

Hanno riaperto la discarica a Taverna del Re (tecnicamente è un sito di trasferenza) e subito è scoppiata la protesta per cui finora non è entrato manco un sacchetto. A Chiaiano hanno paura e hanno protestato fino a metà notte: pochi sacchetti. Gli stir vanno a rilento: pochi sacchetti. Terzigno è ancora chiusa: niente sacchetti.Mò, noi, sti cavolo di rifiuti, dove li dobbiamo mettere?

Il premier, in visita al termovalorizzatore di Acerra che funziona benissimo e anzi in Campania ce ne vogliono 4, dice che entro due.tre giorni Napoli sarà pulita. Spero che abbia ragione, ma le montagne di rifiuti dove le mettiamo, considerato anche che la legge in vigore (quella che sanciva la fine dell’emergenza, ma la nostra è talmente infinita che continua anche dopo essere finita) prevede la provincializzazione dei rifiuti. Ovvero: i sacchetti di Napoli si smaltiscono a Napoli, mica a Salerno. Manco se glielo chiedi per pietà, come Caldoro aveva fatto: le altre province subito erano pronte a protestare.

E noi, sinceramente, di proteste siamo già pieni.

Non ho molta voglia di entrare nel dettaglio dell’emergenza rifiuti, del perché e del come, che se iniziamo poi ci vuole un libro. Gli annunci ci piacciono e se ci levano dall’imbarazzo del vivere nell’immondizia noi siamo ben lieti. Ma il problema è strutturale e finché non risolviamo quello staremo sempre punto e a capo. Ecco, pensiamo un po’ a questo, che delle donne del premier alla fine ce ne frega di meno. O sarà fatto apposta?

A.

Il ricordo di un giorno che non c’è già più

La promessa di congelare Cava Vitiello e l’apertura della seconda discarica rinviata “alle calende greche” non è bastata. E neppure è bastata la chiusura per tre giorni del primo invaso, Cava Sari e la successiva riapertura solo per i paesi della zona rossa. I cittadini di Terzigno, Boscoreale, Trecase, Boscotrecase volevano di più: la cancellazione della seconda discarica dalla legge 123/2008 e l’impegno di Bertolaso a presentare la richiesta in Parlamento (proprio come avevo scritto io ieri)

I sindaci dei paesi vesuviani, quelli che ho trovato all’angolo della piazza quando ho deciso di andare a bere un caffè, non hanno firmato l’accordo che era stato buttato giù nel vertice di ieri in Prefettura, a Napoli. Nella notte sono stati duramente contestati dai cittadini e così, stamattina, hanno detto ‘No’.

Momenti convulsi, l’adrenalina che scorre a fiumi e camminare a mezz’aria per la gioia.

Passa, però, la linea della fermezza con Bertolaso che, pur lasciando aperto uno spiraglio di dialogo con i sindaci – “Qui c’è la penna e qui il documento, potete firmare quando volete” – dice che il Governo l’accordo lo rispetta anche se in maniera “unilaterale”. Più che accordo, allora, sarebbe il caso di parlare di ‘documento’.

E via la conferenza, a stomaco vuoto perché l’adrenalina è in circolo. Ho la situazione sotto controllo. Almeno è quello che credo. Prima di qualunque cosa, ci annunciano che un uomo è morto mentre lavorare nello Stir di Giugliano “di domenica perché c’è l’emergenza”.

Sky ci avvisa che sta per mandare la striscia con la prima notizia della conferenza, Bertolaso che dice “Non arretreremo di un passo, andremo avanti”. Ci alziamo di corsa, per dettare e cominciano i guai. Corriere.it, con una webcam, sta mandando in diretta la conferenza e noi non lo sapevamo. A Roma, si incazzano. Il mio referente in redazione perde spesso le staffe anche quando parla con me e io comincio a perdere la calma.

Messaggi, telefonate, richiami e lamentele. Mi tremano i polsi davvero. Mollo tutto senza salutare, sbatto porte, corro via dalla Prefettura, entro in macchina e riprendo a respirare cercando di capire da dove ripartire.

Bertolaso che rassicura Chiaiano “non aumentano le volumetrie”. Bertolaso che dice che Berlusconi “si è commosso davanti alle lamentele della popolazione, ma gli ho spiegato che non possiamo cancellare Cava Vitiello dalla legge. E’ colpa mia e lo è pure se non è venuto a Terzigno”. Bertolaso che dice qualunque cosa. Poi Caldoro: “Obiettivo regione normale” – e spiegatemela perché ancora non ho capito. Caldoro e le condoglianze alla famiglia dell’operaio, Caldoro e la balcanizzazione del territorio. Caldoro e “fateci uscire per piacere”.

Sono le dieci quando esco dalla redazione. Ho fame, non so da quanto non mangio e nonostante il sonno e la stanchezza non ho voglia di tornare a casa. Che fare? Chiamo E. e ho fortuna perché é a casa. Passo a prenderla e mi fa compagnia mentre mangio e cerco di riassumerle in un’ora il mio week end. Lei ascolta, ride, pensa ad alta voce insieme a me.

La riaccompagno a casa e il colmo è che dopo tutto il tempo trascorso a sentir parlare e a scrivere di rifiuti, sversamenti, discariche, termivalorizzatori e monnezza per le vie di Napoli sono rimasta bloccata a Montesanto perché in città è partita una “operazione straordinaria” di pulizia e i camion stanno raccogliendo i sacchetti accumulati nelle strade.

L.